21/04/2021

NEWS N° 515 APRILE 2021 – MUD 2021: SCADENZA 16/06/2021

Per informazioni rivolgersi a:  dott.sa Maria Laura Benevelli  mariabenevelli@atseco.it; ; dott. Maurizio Spadavecchia mauriziospadavecchia@atseco.it;
Reggio Emilia, 21 aprile 2021

Ricordiamo che quest’anno la data di presentazione del MUD è slittata al 16 giugno 2021.
Tuttavia la presentazione telematica del Modello è già possibile e quindi è bene non aspettare l’ultimo mese, specialmente nei casi in cui la situazione della contabilità dei rifiuti in azienda si presenti complicata da verificare e riassumere.

Soggetti obbligati

I soggetti tenuti alla presentazione del MUD, per le sue diverse parti, sono:

  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti
  • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione
  • Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti
  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi
  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g) del D.Lgs. 152/2006 che hanno più di dieci dipendenti.
  • i Consorzi e i sistemi riconosciuti, istituiti per il recupero e riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti,
  • I gestori del servizio pubblico di raccolta,
  • I soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali.

Soggetti esonerati dall’obbligo di presentazione:

– gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile con un volume di affari annuo non superiore a euro ottomila,

– le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi,

– per i soli rifiuti non pericolosi, le imprese e gli enti produttori iniziali che non hanno più di dieci dipendenti

– le imprese e gli enti produttori di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184, comma 3, diversi da quelli indicati alle lettere c), d) e g)

– i produttori di rifiuti che non sono inquadrati in un’organizzazione di ente o di impresa.

Si ricorda che gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, nonché i soggetti esercenti attività ricadenti nell’ambito dei codici ATECO 96.02.01, 96.02.02 e 96.09.02, che producono rifiuti pericolosi, compresi quelli aventi codice EER 18.01.03*, relativi ad aghi, siringhe e oggetti taglienti usati, quando obbligati alla comunicazione MUD, possono adempiere, anche ai fini del trasporto in conto proprio, attraverso la conservazione progressiva per tre anni del formulario di identificazione o dei documenti sostitutivi previsti dall’articolo 193 del citato decreto legislativo, o del documento di conferimento rilasciato nell’ambito del circuito organizzato di raccolta di cui all’articolo 183 del D.Lgs. 152/2006 e successive modificazioni.

Nel caso vogliate usufruire del nostro servizio, consigliamo di inviarci i dati relativi al 2020 col massimo anticipo possibile rispetto alla scadenza del 16 GIUGNO, utilizzando i prospetti sintetici che possono essere scaricati CLICCA QUI