7/11/2022

NEWS N° 561 NOVEMBRE 2022 – NOMINA ENTRO IL 31/12/2022 DEL CONSULENTE ADR PER ATTIVITÀ DI SPEDIZIONE DI MERCI PERICOLOSE (COMPRESO I RIFIUTI)

Per informazioni rivolgersi a: Dott. Giuliano Iorio (giulianoiorio@atseco.it)
Reggio Emilia, 07 novembre 2022

La normativa per il Trasporto di Merci Pericolose (Accordo ADR) prevede già dal 2000 per le “imprese che effettuano operazioni di TRASPORTO di merci pericolose su strada, per ferrovia o per via navigabile interna, oppure operazioni di CARICO e SCARICO connesse a tali trasporti” la nomina di un Consulente per il Trasporto di Merci Pericolose in possesso di apposito certificato di formazione professionale (CFP), punendo la mancata nomina con sanzioni fino a 18.000.000 di vecchie lire (D.Lgs 40/2000 art. 3 comma 1).

Già dall’anno successivo al punto 1.8.3 ADR 2001 l’obbligo veniva esteso, anche alle attività di RIEMPIMENTO  e IMBALLAGGIO di merci pericolose connesse ad un trasporto, modifiche recepite poi nell’ordinamento nazionale con il D.Lgs 35/2010 che introduceva anche il principio secondo cui “Le disposizioni concernenti il consulente alla sicurezza per  il trasporto delle merci pericolose sono quelle previste dall’ADR,  RID, ADN” (D.lgs 35/2010 art. 11 comma 1). Il medesimo D.Lgs 35/2010 ha anche inasprito le sanzioni previste per la mancata nomina del Consulente portandole fino a € 36.000.

Nella versione 2019 dell’ADR infine, con una modifica al paragrafo 1.8.3, veniva esteso l’obbligo di nomina del Consulente anche ad “ogni impresa, la cui attività comporta la SPEDIZIONE” di merci pericolose per strada. La norma prevedeva altresì al punto 1.6.1.44 la proroga di tale obbligo al 31/12/2022.

Le versioni 2021 e 2023 dell’ADR non hanno ulteriormente prorogato tale scadenza per cui l’obbligo di nomina è ormai imminente.

A differenza di quanto avvenuto per le altre attività (Trasporto, Carico, Scarico, Riempimento, e Imballaggio) per le quali il legislatore nazionale ha definito esenzioni o modalità semplificate (D.Lgs 40/2000, D.M. 04/07/2000 n. 90T, Circolare A21/MOT del 07/07/2000, Circolare A26/2000/MOT del 14/11/2000), PER L’ATTIVITÀ DI SPEDIZIONE, NON SONO AL MOMENTO PREVISTE ESENZIONI dall’obbligo di nomina del Consulente per il Trasporto di Merci Pericolose.

Dunque:

Entro il 31/12/2022 chi effettua Spedizioni anche occasionali o di piccoli quantitativi di merci pericolose inserite nella “Tabella A” ADR2021 (compreso i rifiuti con caratteristiche di pericolosità ADR) dovrà nominare il Consulente per la Sicurezza dei Trasporti di Merci Pericolose in possesso di CFP ed inviare una comunicazione alla Motorizzazione territorialmente competente per informare dell’avvenuta nomina. Sono previste sanzioni fino a € 36.000,00

In caso dovessero intervenire modifiche normative, come esenzioni o semplificazioni riguardo tale adempimento, comunicheremo prontamente la circostanza in modo da evitare perdite di tempo o costi inutili.
In allegato nomina consulente spedizioni per effettuare la comunicazione della nomina alla Motorizzazione prevista dalla norma.

ATS-CONSULENTI ASSOCIATI è a disposizione per supportare la clientela al fine di adempiere all’obbligo normativo con i propri Consulenti per la Sicurezza dei Trasporti di Merci Pericolose regolarmente abilitati alla professione.